i nostri criteri alimentari

I mici di questa razza sono abbastanza selettivi nei confronti del cibo. Per garantire loro una salute ottimale è quindi indispensabile offrirgli cibi di prima qualità e sempre freschi. Le marche più adatte vengono segnalate direttamente dall’allevatore al momento del ritiro del cucciolo: Alternare cibo umido (le scatolette) a qualche buon croccantino (assolutamente privo di farine e cereali!) permette al gatto di variare la dieta e di assicurarsi i principi nutritivi che lo mantengono bello e pieno di vigore.
 
Il Thai è un gatto longilinea, mai grasso né particolarmente vorace. Tende a mangiare di più se si sente solo, trascurato o se si trova in una situazione di stress., per cui è bene garantirgli più carezze ed attenzioni che cibo, perché si senta sicuro del nostro amore e non abbia bisogno di compensazioni alimentari. Anche negli umani l’eccesso di cibo ingolfa fegato e pancreas, compromettendo la vitalità generale ed il sistema circolatorio … qualche coccola e qualche momento in più dedicato al micio lo rilassa e lo aiuta a mantenersi sano e leggero.
 
Da noi i mici vengono nutriti con cibo di eccellente qualità che nulla ha a che fare con i “mangimi” che si trovano nei supermercati. A giorni alterni viene loro offerto un doppio menù ora di carni bianche ora di pesce (sia umido che secco) che possono decidere autonomamente di gustare durante la giornata. La loro alimentazione viene inoltre integrata con prodotti ortomolecolari (sali minerali, vitamine ed aminoacidi) e rimedi omeopatici di prima scelta, che garantiscono una perfetta funzionalità organica e metabolica al loro organismo, oltre ad assicurargli un pelo splendido ed una linea da modelli. Per maggiori dettagli vi consigliamo di fare riferimento al libro da noi appositamente creato per la salute degli animali domestici. ( vedi il capitolo “Le nostre iniziative”) .
 
In sostanza noi usiamo per i nostri piccoli amici solo alimenti sani di uso umano preparati in casa (cotti al vapore o lessati) ed offriamo loro solo un paio di tipi di umido industriale di destinazione felina, oltre ad alimenti in scatola di uso umano, per meglio variare il menù con miglio soddisfazione reciproca.
 
Integratori e Vitamine: al Thai da esposizione viene richiesto un manto chiaro che ben contrasti con le mostre (cioè le estremità scure del corpo). La Vitamina E contenuta in molti tipi di alimenti industriali tende a far scurire le parti chiare del mantello ed è quindi da limitare nell’alimentazione degli esemplari da destinare alla competizione estetica. Lo stesso effetto scurente viene provocato da un’alimentazione a base di carni rosse che sono oltre tutto indigeste per la razza.
 
Alla Vitamina e va prestata ulteriore attenzione perché negli esemplari non sterilizzati provoca forti calori (già considerevoli di per sé nella razza) ed è meglio che venga somministrata solo in caso di effettiva necessità.
 
Questa razza non tollera inoltre l’ingestione di latte e latticini. E’quindi utile controllare sempre che i croccantini che vengono proposti al micio contengano il Calcio, oltre a prevedere una somministrazione di questo minerale sotto forma di oligoelementi almeno 2-3 volte all’anno, abbinato ad integratori naturali di vit. D ( i dosaggi sono minimi e verranno chiariti dall’allevatore, valutando singolarmente ogni soggetto.
 
Altro elemento fondamentale per la salute del gatto è la Taurina, un aminoacido presente nelle carni rosse la cui carenza provoca cecità e dilatazione del muscolo cardiaco.- E’ dunque importantissimo verificare sempre che nel cibo sia secco che umido la Taurina sia riportata nell’elenco degli ingredienti. Se il micio fosse abituato a nutrirsi con cibo preparato in modo casalingo è opportuno ricorrere ad uno specifico integratore segnalato dall’allevatore che ne garantisca l’apporto giornaliero.
 
L’erba gatta è un altro “integratore” utile, soprattutto se l’abitazione non è dotata di terrazzo e di un piccolo giardino in cui il micio Thai possa assaporare qualche verdurina del prato. L’apporto dei minerali, di acido folico contenuti in questo vegetale consentono infatti al mio di regolare e sue funzione digestive e di ripulire lo stomaco da eventuali accumuli di pelo ingerito, che a volte vengono espulsi insieme all’erba, mediante piccoli e salutari rigurgiti.
 
Affinché l’intestino si mantenga sempre in buone condizioni è inoltre importante non dimenticarsi di somministrare al Thai un integratore felino specifico per il mantenimento dell’equilibrio della flora batterica ed evitare sempre di servire cibi o bevande provenienti dal frigo.